Sono qui per spiegare il mio approccio in psicoterapia che non è necessariamente il “migliore”, ma quello che ho studiato e scelto e che ho valutato essere il più adatto per me.

Nella terapia, così come nei contesti educativi e scolastici utilizzo un approccio integrato focalizzato sull’Analisi Transazionale.

Cosa vuol dire “Approccio integrato” ?

“Approccio integrato” vuol dire che nel mio lavoro faccio ricorso a più teorie e metodologie che scelgo in base alla natura del problema, alla fase terapeutica in cui mi trovo, alla tipologia dell’utente. In psicologia, lo sapete, ci sono tantissime scuole di pensiero, tanti modi diversi di definire la personalità, il comportamento, il disagio. Aderire ad un solo modello è utile, ma il rischio è di escludere  altre interessanti prospettive. L’approccio teorico integrato consente di spaziare su più fronti, anche se generalmente c’è sempre  un modello di riferimento privilegiato.

Che cos’è l’Analisi Transazionale?

L’Analisi Transazionale è, appunto, la teoria di riferimento, ovvero il modello teorico sulla personalità e sul comportamento umano che utilizzo per comprendere chi ho di fronte, per dare una lettura chiara a un disagio, per  avere un linguaggio comune con il paziente.

L’Analisi Transazionale (A.T.) è una teoria della personalità e una psicoterapia. L’oggetto principale di questa teoria è desumibile proprio dal nome. L’AT si occupa delle  “transazioni”, ovvero degli  “scambi” che si verificano tra due  persone che comunicano. Quindi, questa teoria si occupa dell’individuo visto nel suo essere in relazione con gli altri. L’AT è anche una teoria della comunicazione che, viene utilizzata oltre che nella terapia anche nei contesti educativi  e nelle organizzazioni aziendali al fine di migliorare la comunicazione ed evitare scontri improduttivi. Questo vuol dire che per capire la persona che ho di fronte il punto di partenza è conoscere il modo in cui è e si manifesta con le altre persone, con quelle del passato, quelle fondamentali della sua vita, e con quelle del quotidiano.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *